«Non ho mai potuto fare il dirigente sportivo perché nel nostro Paese la competenza nello sport è un elemento di destabilizzazione». Pietro Paolo Mennea.

giovedì 7 giugno 2012

GIRO-DONNE 2012; BELLO!, SI, NO, FORSE, BOH,....

ATTRAVERSERA’ CIRCA MEZZA PENISOLA PARTENDO DA NAPOLI E SI CHIUDERA’ NELLA CITTA’ DI BERGAMO DOPO 970 CHILOMETRI. TUTTE LE MIGLIORI CI SARANNO. E POI VAI A SAPERE. SI PERCHE’ ALTRO QUI’ NON SI SA’. Per un po’, qualche giorno, aspetti e pensi; “Beh, per la miseria, butteranno fuori qualche notizia in più…sennò che cavolo capisci?” Che il Giro-Donne voglia farsi desiderare, quando si presenta senza nessuna notizia tecnica sul percorso, se non le distanze? Certamente impostando il lavoro in questa maniera, hai voglia che qualcuno vada ad interessarsi dell’evento! Comunque, vediamo che cosa possiamo dire sul Giro-Donne 2012; ecco, appunto, e che vuoi dire? A meno che l’appassionato non si prenda delle cartine stradali e si metta ad ipotizzare che strade verranno percorse, tenendo conto dei luoghi di partenza ed arrivo con il computo dei chilometri di giornata. Capirai che informazione! Mentre la corsa più importante del calendario – stando agli organizzatori – si presenta a pezzettini al pubblico, emerge una considerazione, l’unica possibile, vedendo che la seconda tappa è una cronometro individuale di 8 (otto) chilometri. Non sapevamo che corressero anche le juniores quest’anno! E poi stop!, tocca aspettare, che vai a sapere se non ci sono ancora incertezze sul percorso stesso. Intanto stiamo a meno di un mese e non si sa che poco e niente. Chi ben comincia è a metà dell’opera. Qui la metà di ‘sta benedetta opera è ancora un’immagine che dal lontano orizzonte spuntar non vuole. Tra calendari striminziti e Giri annunciati a gocce per volta tira aria strana. Domanda; ma ci stanno i soldi per farlo? Così, giusto per porre una questione che magari di questi tempi è pure importante! Nella speranza di avere notizie più dettagliate, ecco le frazioni che le girine affronteranno, sperando che almeno a loro abbiano detto che strade pigliare. 29 Giugno: Napoli - Terracina (LT) 139 km ----- 30 Giugno: Roma - Roma cronometro individuale di 8 km ---- 1 Luglio: Montecatini (PT) - Montecatini (PT) 99 km ---- 2 Luglio: Vernio (PO) - Castiglione dei Pepoli (BO) 126 km ---- 3 Luglio: Polesella (RO) - Molinella (BO) 126 km ---- 4 Luglio: Modena - Salsomaggiore (PR) 124 km ---- 5 Luglio: Salice Terme (PV) - Castagnole delle Lanze (AT) 120 km ---- 6 Luglio: Crugnola di Mornago (VA) - Lonate Pozzolo (VA) 117 km ---- 7 Luglio: Sarnico (BG) - Bergamo 108 km. A presto con altre considerazioni, e chissà mai che si possa parlare anche del percorso stesso, giusto perché è la prima cosuccia che tutti chiedono di vedere.

domenica 3 giugno 2012

CICLO-PAGELLE GIRO 2012

LE SOLITE PAGELLINE A MODO MIO SUL GIRO DA POCO CONCLUSO. INUTILE RICORDARE CHE RAI-TV OCCUPA SOSTANZIOSA PRESENZA….
VOTO 10; a Matteo Rabottini per la vittoria del 20 maggio ai Piani dei Resinelli, e a Thomas De Gendt per lo Stelvio. VOTO 9; a Francesco Pancani. Nove a Pancani? Eh, Miseria! E che ha fatto? Ha detto la marca di tintura per capelli che (in maniera abbondante) usa Cassani? Niente di tutto questo, ma è stato l’unico che ha avuto il coraggio di definire in diretta TV; “Un calcio alla storia” il cambiamento dalla maglia verde a quella azzurra per i GPM. Cassani, che di solito di Pancani commenta anche gli starnuti, se n’è sempre stato zitto. VOTO 8; a chi non si è addormentato davanti la tivù nella prima settimana di corsa. VOTO 7; a Paolo Savoldelli, ma solo per aver inventato il motociclista lavagna, con fogli di carta e lavagnetta penzolante dal collo che appoggia sulla schiena, comoda per leggere gli appunti. VOTO 6; voto intermedio senza un bersaglio preciso, “tra color che son sospesi” (Don Lorenzo docet). VOTO 5; al percorso del Giro. VOTO 4; alla giuria del Giro. Ferrari dovevano rispedirlo a casa. VOTO 3; al percorso della prima decade di Giro, e alla sigla usata per il Giro stesso. Non ce ne abbia la buonanima di Dalla, ma quella canzone è proprio brutta. VOTO 2; alla trasmissione “Si Gira”. Dal prossimo anno consigliamo come sigla il sonoro dello scarico del water. Più realistico. VOTO 1; ad Auro Bulbarelli. Ormai la squadra RAI per il ciclismo è formata sempre, costantemente, continuamente, indissolubilmente, noiosamente dalle solite medesime persone che si scambiano le sedie negli studi televisivi. Le domande di Suor Alessandra sono “zero” totale e rispecchiano uno stile del tipo; “Beppe Conti, oggi piove. C’è la possibilità che le strade siano bagnate” Risposta; “Effettivamente se l’acqua tocca la strada, le strade possono anche bagnarsi” W Stella Bruno, casinara da Pole Position, ma che almeno Radio Paddock segnala come una che sa fare una carbonara da Gran Premio. VOTO 0; al proCESSO alla tappa. La De Stefano torni a fare la giornalista all’arrivo e non pensi che aprendo le puntate con un “buonasera” alle due del pomeriggio possa assomigliare a Sergio Zavoli.

venerdì 1 giugno 2012

Giugno; l'editoriale.

LA DELUSIONE ITALICA AL GIRO D’ITALIA E’ STATA CREATA DALLA SCUOLA CICLISTICA DI CASA NOSTRA, DISGRAZIATAMENTE FIORITA NEGLI ULTIMI TEMPI: “ASPETTA E VEDIAMO COSA CAPITA…” CHE COSI’ VINCONO GLI ALTRI.
“La cosa che non stupisce è vedere come Ivan Basso fosse diventato nell’arco di un pomeriggio da padrone del Giro a ciclista ridotto all’ormai prossima fine carriera. Almeno stando alle facce e alle dichiarazioni dei giornalisti ospiti del proCESSO alla tappa pomeridiano. Una cosa del tipo: “Va avanti perché vede gli altri andare avanti”. Insomma, un mezzo relitto alla deriva ciclistica ormai ai titoli di coda, con le mosche che gli ronzano intorno e diversi avvoltoi su di un ramo alto e pronti al volo, all’esalazione dell’ultimo respiro vitale da parte del povero ciclista italiano. Tipico del giornalista che ha sempre una voglia matta di sparare la cosa più ad affetto davanti alla telecamera. Per Scarponi l’andazzo è quello, quindi meglio che appena vince qualcosa si ritiri per non rischiare l’abbattimento a fucilate. Le vittorie che più hanno esaltato sono state quelle di Matteo Rabottini a Pian dei Resinelli e del belga Thomas De Gendt sullo Stelvio, Azioni coraggiose, facilitate – la prima – da una posizione in classifica molto lontana, mentre per la seconda c’è stata una sottovalutazione dell’avversario. Però due azioni coraggiose. De Gendt ha fatto una mezza rivoluzione sulla Cima Coppi 2012, dando il massimo per tentare di far saltare la classifica. C’è mancato poco che non facesse centro, con una fuga costruita già nella montagna precedente. Tra gli italiani da classifica è andata a finire che il più bravo è stato Damiano Cunego, anche se nella generale conclusiva si è piazzato dietro a Scarponi e Basso. Inutile menarla adesso con la nenia del; “Se c’era Nibali…” Se Vincenzo era presente Phinney avrebbe dovuto lavarsi le mutande pe conto suo, perché Suora Alessandra sarebbe stata impegnata a riassettare la camera del siciliano, leggendogli alla sera la favola del ciclista che pedala a pane e salame correndo 3 settimane tutti i giorni, montagne comprese, a 40 di media. Basso e Scarponi hanno dato sfoggio dell’ormai cara scuola ciclistica di casa nostra, dove è vietato osare lo scatto pena vai a saper cosa. I tentativi del povero Pantani – troppa gente (adesso) si mette il suo nome in bocca davanti alle telecamere – sono ricordi degli anni ’90, i tentativi di Bettini nel decennio scorso sembrano lontani 30 anni. Adesso ti ritrovi con Basso e Scaponi che dopo l’arrivo stanno bene, hanno la condizione in crescita e bla, bla, bla,,,che intanto scattano gli altri, e loro a guardarsi; “..aspetta che Ivan si è grattato il naso, me lo gratto anche io che non sai mai…”. Oggi gli anni sono questi; Basso e Scarponi a guardarsi e due ciclisti che alla vigilia non rientravano nei pronostici nemmeno da “primi cinque” li sbattono giù dal podio, Cunego che ogni anno alle Ardenne guarda sempre cosa fanno gli altri finché questi benedetti altri partono e vincono la classica di turno, Pozzato e Ballan che quando scatta Boonen stanno a guardare chi dei due va a prenderlo, così il gigante dal sorriso gentile va a vincere e tutte manfrine così. Siamo d’altronde in piena Radio-Generation, strapieni di ciclisti che arrivano da una carriera radio-comandata fin dalla categoria dilettanti, e adesso non sanno manco quando possono bere dalla borraccia. Un paio di notazioni conclusive su due ciclisti di casa nostra; il suddetto Scarponi ha mostrato dei limiti. Più di questo non può andare, specie a cronometro, quindi per vincere un Giro sarà dura. Idem per Pozzovivo, che ha vinto una tappa con una grande azione, ma da quella volta la pressione lo ha frenato. A meno che l’ultima settimana non gli sia stata indigesta per la forma “Trentino” che è andata in calando dopo metà Giro. Adesso Basso sarà gregario di NIbali in Francia. Per Vincenzo l’occasione migliore, che deve partire fin dall’inizio con l’idea di provare a vincere la corsa. A costo di sembrare arrogante, meglio così che sempre pauroso di crollare. In chiusura un certo discorso; nel vedere come salivano la seconda volta l’Alpe di Pampeago (dopo Sella di Roa, Manghen, Pampeago-uno, Lavazè) il sottoscritto è tornato a preoccuparsi seriamente.”