«Non ho mai potuto fare il dirigente sportivo perché nel nostro Paese la competenza nello sport è un elemento di destabilizzazione». Pietro Paolo Mennea.

domenica 7 luglio 2013

Il Giro-Donne è ancora staniero, con la vittoria di Mara Abbott.

IL GIRO-DONNE RIMANE LEGIONE STRANIERA, CON LA STATUNITENSE ABBOTT CHE BISSA LA VITTORIA DEL 2010. L’ITALIA VINCE UNA TAPPA (DOPO 4 ANNI!). LA GUDERZO SI CONFERMA LA NOSTRA NUMERO UNO.
La statunitense Mara Abbott vince il 24° Giro femminile vestendo i colori della Nazionale USA, davanti alla Guderzo e alla tedesca Hausler staccate rispettivamente di 1’33” e 2’18”. La ventottenne del Colorado ha costruito in salita la sua vittoria, vincendo difatti anche la maglia verde per i GPM, grazie a due vittorie di tappa nelle frazioni che arrivavano sul Monte Belgua (5^ tappa) e a San Domenico (6^). Nell’ultima tappa di Cremona, una cronometro individuale di 16 chilometri, la Guderzo è riuscita a ‘mangiare’ circa un minuto alla maglia rosa, confermandosi la migliore delle nostre sia per la classifica, sia nella lotta contro il tempo. Il Giro era iniziato sotto l’egemonia di Marianne Vos, scoppiata poi nelle due frazioni che hanno dato alla Abbott il vertice della classifica. L’olandese ha comunque concluso al 6° posto, cogliendo tre vittorie di tappa e due secondi posti che le valgono la maglia ciclamino. Per l’Italia una vittoria di tappa, con Giorgia Bronzini sul traguardo di Montecagnano Faiano, aiutata dal quasi-volo della Vos che a poche pedalate dal traguardo ha smesso di pedalare a causa di un avvallamento della strada, che ne ha scomposto l’azione in piena volata, costringendola ad equilibrismi da circo per non schiantarsi malamente sull’asfalto. La maglia bianca è per la nostra Francesca Cauz (Top Girls Fassa Bortolo), molto tenace nel tenere le ruote delle migliori nelle frazioni più impegnative. 20 le formazioni al via di questa edizione, per un totale di 151 cicliste. Alla fine sono state 129 le atlete che hanno concluso questa edizione. È stato l’ultimo Giro – facilmente anche ultima stagione – per Alessandra D’ettorre. Prossimamente si entrerà nel dettaglio (foto:bicibg.it).

Nessun commento: