«Non ho mai potuto fare il dirigente sportivo perché nel nostro Paese la competenza nello sport è un elemento di destabilizzazione». Pietro Paolo Mennea.

martedì 30 settembre 2008

GRAZIE A TUTTI/E!! A PRESTO!



TIRO IL FIATO, COME UN CICLISTA FINITA UNA SALITA.
IL BLOG DI “JUST PASSION” SI PRENDE ALCUNI GIORNI DI RIPOSO. ANCHE A CAUSA DELL’APPUNTAMENTO IRIDATO DI VARESE, HO SPARATO UN POST QUASI TUTTI I GIORNI.
SPERO CHE ABBIATE GRADITO I POST E I TEMI INSERITEVI DENTRO, E RINGRAZIO TUTTI VOI CHE MI AVETE LASCIATO DUE RIGHE DI COMMENTO, PER DIRE LA VOSTRA OPINIONE SUI VARI ARGOMENTI TRATTATI O APPROFONDITI.
NON STRAPPATEVI I CAPELLI PER LA MIA MOMENTANEA ASSENZA. CI SARANNO SEMPRE – APPENA PRONTI – GLI AGGIORNAMENTI MENSILI SULLA SETTIMANA IRIDATA. LI TROVERETE IL PRIMA POSSIBILE NEL SITO (NELLE PAGINE “EDITORIALE” E “QUASI NEWS”), E SE VOLETE LASCIARE DEI COMMENTI NEL BLOG, O NELLA POSTA DEL SITO (PAGINA “CONTATTI”), LASCIATELI PURE.
CI SI… SCRIVE TRA UN PO’ DI GIORNI PER PARLARE DEL CICLISMO DEL PROSSIMO ANNO. QUALCOSA SI STA MUOVENDO IN CHIAVE 2009.
NON MANCATE DI LEGGERE IL POST APPENA SOTTO.
GRAZIE GIANPIETRO!
A PRESTO, E ANCORA GRAZIE A TUTTI!

A voi il Giro di Polonia! (robe da matti...)


Il nostro inviato (decisamente speciale) ci racconta il Giro di Polonia.

CARI AMICI DEL BLOG DI “JUST PASSION”, ECCOVI - ANCHE SE CON ALCUNI GIORNI DI RITARDO - IL RESOCONTO (ROBE DA MATTI!) DEL NOSTRO ‘MOMENTANEO’ INVIATO DAL GIRO DI POLONIA. GARA DISPUTATASI ALCUNE SETTIMANE ADDIETRO.
PS: Gianpietro!... hai visto che la tua Mail funziona? È solo questione di avere la…password!

Dal vostro inviato da ZAKOPANE, una piccola sintesi del, mi pare, 65°
(sembra incredibile) Giro Ciclistico della Polonia.

ZAKOPANE (POLONIA) – Il Giro della Polonia di quest'anno, ha visto toccare tutte le maggiori città polacche e vi hanno partecipato, come ogni anno, tutte le seconde linee che non hanno partecipato alla concomitante Vuelta a Espana.
Orbene, il vero protagonista di quest'anno è stato il maltempo. Ha piovuto, o NEVICATO, in tutte le tappe e se non pioveva, il sole era comunque nascosto dalle nuvole. Tant’è che due tappe sono state accorciate per l'inclemenza della situazione meteo; una l'hanno accorciata di loro iniziativa gli stessi corridori, non disputando l'ultimo giro di un circuito cittadino a detta degli stessi ciclisti di notevole pericolosità, dopo che la giuria polacca aveva rifiutato di fermare la tappa all'arrivo in città, ed in seguito si era rifiutata di annullare i distacchi all'entrata nel circuito cittadino. Risultato: 2 giri condotti ai 25 all'ora, e gruppo compatto che metteva il piede a terra all'inizio dell'ultimo giro, annullando di fatto la tappa stessa. La seconda, e unica con un certo dislivello, a essere accorciata è stata la tappa che di fatto ha deciso il giro e che ha visto vincitore per distacco Jens Voigt, in una frazione in cui l'ascesa all'ultima salita non si è potuta effettuare per… NEVE.
Risultato; il fuggitivo Voigt si è aggiudicato la tappa con 47" di distacco sul connazionale Tony Martin e con 1'15" sul nostro "Delfino di Bibione" Franco Pelizzotti. Voigt si è cosi aggiudicato in un solo colpo tappa e Giro, relegando l'italiano al secondo posto in classifica generale.
Concludo con un commento a questa "simpatica manifestazione" dicendo che, va bene che la Polonia non presenta grandi montagne, ma una sola tappa impegnativa per decidere una corsa a tappe mi pare pochetto se si considera che le altre tappe erano tutte pressoché piane, e si concludevano quasi tutte con un circuito finale da percorrersi più volte, fino all'immancabile epilogo in volate più o meno affollate.
Devo dire però che nonostante tutto i circuiti cittadini erano completamente transennati (neanche al Mondiale, e non potevo fare a meno di chiedermi che carovana di TIR doveva girare per la Polonia in quei giorni, considerando il trasporto di tutta quella ferraglia, materiale pubblicitario più o meno gonfiabile, cartelloni, palchi ecc.), e che comunque, anche se solo nei centri abitati c'era una buona affluenza di pubblico.
ALLA PROSSIMA
(G.C.)

domenica 28 settembre 2008

FANTASTICI!!!


CAMPIONE DEL MONDO!!!
Alessandro Ballan (foto sopra) è nato a Castelfranco Veneto il 6 Novembre 1979. è diventato professionista nel 2004 e corre nel GS Lampre.



BENTORNATO, LAZZARONE!
Damiano Cunego è nato a Verona il 19 Settembre del 1981. professionista dal 2002, corre nel GS Lampre.


UN RAGAZZO DI 190 CENTIMETRI CHE ESCE A SESSANTA ALL’ORA E CHE VOLA INSIEME AL VENTO VERSO IL TRAGUARDO CHE VALE UNA CARRIERA!
ALESSANDRO BALLAN CAMPIONE DEL MONDO, DAMIANO CUNEGO INCREDIBILE, BELLISSIMO SECONDO, E DI UN NIENTE ECCO UN RAGAZZINO DI 37 ANNI CHE ARRIVA A UN PASSO DAL PODIO!!
SIGNORI CHE GIORNATA, SIGNORI CHE DOMENICA, SIGNORI CHE ITALIA!!!

Una freccia azzurra che sbuca improvvisamente ed apre un vuoto incolmabile, e toglie il fiato quando la voce di Bulbarelli urla due volte “Ballaaannn!!!”. Uno scatto che brucia le speranze degli avversari ed accende la gioia di migliaia di persone che iniziano ad urlare impazzite!! Ed un ragazzo che pedala, pedala e pedala come forse mai aveva fatto prima.
Ed ancora Bulbarelli che gli grida: “Non voltarti adesso!!” e lui quasi sembra sentirlo. E mentre lui si piega sul manubrio il più possibile, mentre le gambe hanno dimenticato la fatica, mentre noi ci alziamo in piedi, ecco che quella strada scorre veloce, interminabile, lunghissima. Eccolo il triangolo rosso, eccola l’ultima curva, eccolo lo stadio!!
Alessandro Ballan Campione del Mondo! Damiano Cunego 2°, che vince un argento che un mese fa forse nemmeno lui immaginava, e Davide Rebellin che per poco non rende un trionfo totale il Mondiale italiano di Varese. Una gara che nelle prime 3 ore ammazzava dal sonno e che negli ultimi 50 chilometri è esplosa grazie a Bettini (grazie capitano!) e Cunego che pedalava che era un piacere!
Demolita la Spagna, demolito il Belgio, demolito il divano a forza di salti, e demoliti tutti i principali avversari che hanno fatto la guardia a Bettini, facendo un favore enorme a Rebellin, Ballan e Cunego. Grandissima gara dei tre moschettieri azzurri negli ultimi chilometri dando al vincitore del Fiandre 2007 l’occasione che vale una carriera. Poi il ragazzo si volta, vede il vuoto sugli altri che si riduce ma il traguardo è lì, come lì è tutta quella gente impazzita!
Alza le braccia ragazzo, e gridiamolo tutti; ALESSANDRO BALLAN CAMPIONE DEL MONDO!!!


E adesso se qualcuno vuole lasciare un suo commento, scrivete e scrivete, fino a consumare la tastiera del PC!

sabato 27 settembre 2008

GOD SAVE THE... COOKE!!!


Nicole Cooke (25 anni). Regina del ciclismo donne 2008.

TITOLO OLIMPICO E MONDIALE; NICOLE COOKE ANCORA REGINA. CON LEI UN PODIO FANTASTICO, PER IL VALORE DELLE ATLETE ARRIVATE DIETRO ALLA FORTISSIMA CAMPIONESSA GALLESE.
PER LE AZZURRE…

Pechino. Agosto 2008; Nicole Cooke Campionessa Olimpica.
Varese. Settembre 2008; Nicole Cooke Campionessa del Mondo.
Due righe in tutto. Dietro a questo, ecco una corsa che negli ultimi 20 chilometri è esplosa grazie a Marianne Vos che arriva a tre metri dalla medaglia d’oro. Al 3° posto la tedesca Arndt.
Cooke, Vos, Arndt; questo il podio femminile di Varese 2008. La gallese Cooke entra nella storia con l’accoppiata Olimpiade & Mondiale. Una vittoria costruita sulla furbizia – ha tirato quasi mai negli ultimi 10 chilometri – e sulla voglia di non mollare anche a 50 metri quando la Vos (che gara!, ma quante energie bruciate!), si preparava ad alzare le braccia al cielo.
In casa Italia tanta delusione per le italiane mai in gara, se non con la Baccaille che era entrata nella fuga di giornata. La Luperini conferma la sua ‘allergia’ iridata, la Guderzo e la Cantele mai davanti, con la ciclista della Bigla che ha perso l’attimo per la fuga del gruppetto delle atlete che si sono giocate la vittoria.
È andata male, per dirla in poche parole. Ma sempre e ancora complimenti alla grande Nicole Cooke; per lei la maglia iridata è un’abitudine.

Fermateli!!!


Chi buttereste guù dalla famosa torre? Io butterei giù la torre!!!

LIEGI, GIRO, TOUR, OLIMPIADE, SAN SEBASTIAN, VUELTA; QUESTO (FIN’ORA) IL 2008 CICLISTICO DELLA SPAGNA. E DOMANI?

Quale nazione batterà la Spagna? Sembra questa la domanda per domani. L’Italia ha una squadra fortissima e “Tutti per uno!”, sembra il pensiero di Casa Italia. Certo che non mancano gli uomini che possono saltar fuori per la sorpresa di giornata. Boonen, Cancellara – che ha saltato la crono per provarci domani – la ‘famiglia’ Sleck (pensieri spagnoli permettendo), e ce ne sono ancora. Ma è la Spagna la squadra che cerca una candelina su una torta già fantastica.
Non ci resta che sperare. Anche perché siamo a quello che per una parte dei protagonisti più importanti (Bettini e Rebellin) potrebbe essere anche l’ultima maglia azzurra. Dietro a loro scalpitano Pozzato (che non ne imbrocca una!), Cunego (che … lasciamo perdere, ch’è meglio!).
Mi sa che è meglio se ‘sti vecchietti ce li teniamo stretti.
Buon Mondiale a tutte e tutti voi!

venerdì 26 settembre 2008

Ponzi!... Che peccato!!


Ecco l'arrivo della prova Under 23 (foto;Gazzetta).

Duarte alza le braccia al cielo, diventando il primo Campione del Mondo Under 23 per la Colombia. Ponzi probabilmente s'abbassa il mabubrio di 2 centimetri, con un pugno di rabbia per l'occasione mancata di pochi metri.
Ma gli italiani sono stati bravissimi. Ed il carniere di casa nostra è ottimo tenendo conto che arriveranno le prove elite donne (Vai Guderzo!...ehm... perdonate lo slancio di simpatia...) e uomini.

mercoledì 24 settembre 2008

Sta tornando!



"Le gare mi mancavano" Lance Armstrong; mercoledi 24 settembre 2008.

Mentre ai Mondiali una conoscenza del giro-donne diventa Campionessa del Mondo a cronometro - Amber Neben è arrivata seconda al Giro 2008 - la notizia del giorno è la conferma del ritorno dello Space Cow-Boy.
Per il momento si parla di un ritorno improntato a scopi promozionali. Chiaro che se qualcuno ci crede, me lo faccia sapere.
Mister Tour torna in sella. Contador pagherà da bere per la felicità?

martedì 23 settembre 2008

CAMPIONE DEL MONDO!!!


Adriano Malori (20 anni) sfreccia a Varese 2008. La prima medaglia fa risuonare l'Inno di Mameli!

DOPO L’INIZIO DA DIMENTICARE, L’ITALIA SI PRENDE UNA RIVINCITA; E CHE RIVINCITA!!

Adriano Malori Campione del Mondo a cronometro Under 23; dopo la brutta notizia – che potete leggere nel post appena sotto – ecco un’oro bello come il sole. Nato a Parma il 28 gennaio del 1988, il rappresentante della Filmop – Sorelle Ramonda toglie alla FCI il pensiero su chi avrebbe portato in dote la prima medaglia. Non ci poteva essere inizio migliore per l’Italia delle due ruote a pedali.
Non ci sono speranze di medaglia per la prova a cronometro femminile di domani. A meno che non ci scappi la sorpresa clamorosa. Ma dovrebbe essere proprio grossa!
Per ora godiamoci questo oro. Sperando che non sia il primo e l’ultimo.
Alla prossima.

PS:Ultim'ora; a quanto pare il Giro 2009 partirà da Venezia.

lunedì 22 settembre 2008

Varese 2008; inizia male per l'Italia.

COMINCIA MALE L'AVVENTURA IRIDATA DI VARESE, PER I COLORI AZZURRI. COLEDAN CADE IN ALLENAMENTO E DEVE ALZARE BANDIERA BIANCA.

Brutta giornata per Coledan. Il trevigiano è caduto mentre provava il percorso della cronometro, e si è fermato... addosso ad un camion!!Le conseguenze della caduta hanno costretto il ragazzo a rinunciare alla prova a cronometro Under 23 di oggi. Essendo scaduto il termine per inserire un sostituto, un ciclista in meno per la pattuglia azzurra.
Una domanda; se avevate la possibilità di seguire su RAI Sport Più la cerimonia d'inaugurazione dei Mondiali, beati voi. Ma che senso ha mandare in onda - con un giorno di ritardo - la cerimonia sulla RAI a mezzanotte di oggi?
RAI, che kakkio fai?

domenica 21 settembre 2008

Vuelta; Contador Re di Spagna!!


Alberto Contador (GS Astana); la Spagna ha trovato l'erede di Indurain.

EDDY MERCKX, JAQUES ANQUETIL, FELICE GIMONDI, BERNARD HINAULT… ED ALBERTO CONTADOR. GIRO, TOUR, OLIMPIADI E VUELTA 2008; ANCORA, DI NUOVO E SEMPRE “VAMOS ESPANA!!”

Luglio 2007; Alberto Velasco Contador vince il Giro di Francia. Maggio 2008; Alberto Velasco Contador vince il Giro d’Italia. Settembre 2008; Alberto Velasco Contador vince il Giro di Spagna..
Nato a Madrid nel dicembre del 1982, passa professionista nel 2003 con la statunitense Discovery Channel. Dopo aver rischiato la vita pochi anni addietro, e salvato da una complicata operazione chirurgica, Nel 2007 la prima, vera, grande occasione della carriera. La possibilità di vincere il Tour; centro! Nel maggio di quest’anno corre per la prima volta il Giro d’Italia. Vince il Giro, non avendo mai visto le salite delle montagne italiane, e diventa pure simpatico ai tifosi italiani non solo per quello che aveva tribolato tempo prima, ma anche grazie al sorriso dei suoi 25 anni, che Alessandra De Stefano ci propone quasi tutti i giorni alla TV per 3 settimane. Settembre; l’arrivo di Madrid diventa una passerella d’applausi per il ciclista che entra nel Club dei 5; Giro, Tour e Vuelta, per Contador, Merckx, Gimondi, Anquetil e Hinault.
Credo che pochi ciclisti negli ultimi 20 anni, abbiamo saputo sfruttare in maniera così eccezionale, le occasioni che capitavano. Nell’inverno tra il 2006 ed il 2007, i dirigenti dell’allora ancora esistente Discovery Channel, parlavano di questo ragazzo madrileno, che aveva tutto quel che serviva per diventare uno dei grandi, nelle prossime 7 od 8 stagioni per le gare a tappe. Due anni dopo, e a 25 anni d’età, a ‘sto ragazzo manca solo il mondiale.
Sorridi ragazzo, sorridi! (che se vai un po’ più piano, gli italiani ringrazieranno…)
Una cortesia che vorrei far arrivare agli spagnoli. Se per quest’anno potessero lasciarci vincere qualcosina a Varese, sarebbe cosa gradita.

PS: incredibile ma vero, a breve un resoconto – spero completo, o quasi – sul Giro di Polonia. Ma mi sa tanto che sarà un reportage un po’ particolare…

venerdì 19 settembre 2008

Cunego - Luperini; scommesse vincenti?






Damiano Cunego (27 anni) e Fabiana Luperini (34 - in alto); due azzardi, o due assi nella manica decisivi?

DAMIANO CUNEGO E FABIANA LUPERINI; DUE ‘PEZZI DA NOVANTA’ CHE HANNO VISSUTO DUE STAGIONI DIVERSE, PER ASPETTATIVE E RISULTATI CONSEGUITI.

Per Fabiana Luperini, la convocazione per Varese è la classica ciliegina sulla torta. Una torta che tra i vari ingredienti annovera un titolo italiano in linea su strada e un Giro-Donne dominato. Il rapporto Luperini-Nazionale è sempre stato tribolato. Certo che, a 34 anni, e forse all’ultima stagione, la Luperini difficilmente troverà una nazionale costruita per lei. Va detto che l’anno scorso la nazionale rosa fece una corsa bellissima. Fu Tatiana Guderzo a costringere le avversarie principali a muoversi ed a scoprire le carte. Ed in attesa di tentare il colpo gobbo con la Cantele, uscì la Bastianelli che vinse a sorpresa e bene.
Il ruolo della Luperini non saprei come inquadrarlo; la Cantele ci proverà ancora, ma quest’anno non può passare in 2° piano la Guderzo che, con il 4° posto al Giro, il 2° alla corsa in linea ai Campionati Italiani ed il bronzo di Pechino non credo vada a Varese accettando una corsa da gregaria. Speriamo che non ci siano troppe… galline nel pollaio! (che razza di esempio! Ma trattandosi di donne mica posso parlare di galli…)
Per Damiano Cunego siamo davanti ad un ciclista che forse è stato convocato sulla fiducia. Sui risultati, infatti, non credo fosse un papabile da maglia azzurra. La sua estate è stata sfortunata e scarsa di risultati. Avevo la mezza idea che sarebbero stati Nibali o Garzelli – quest’ultimo varesino – a prendere il suo posto. Per Ballerini si tratta di un azzardo mica da ridere. Credo ci fossero diversi ciclisti che in questi ultimi 2 mesi hanno fatto meglio. Ma ad un CT che ha vinto 3 Mondiali e 2 medaglie olimpiche in ammiraglia, possiamo concedere questa scelta. Di certo per Damiano è un’occasione che vale oro. Per quello che il veronese ha fatto negli ultimi mesi, non meritava la convocazione.
Forza Damiano! Fammi rimangiare questa frase! Dai bocia!!
Se qualcuno/a di voi volesse lasciare la sua opinione, sarei contento.

lunedì 15 settembre 2008

Varese 2008; ecco i convocati/e elite!




Fabiana Luperini; si a Varese! Per lei - nel 2008 - titolo Nazionale, Giro del Trentino e Giro d’Italia.
Paolo Bettini cerca il tris storico. Mai nessuno ha vinto 3 Mondiali consecutivi.

ECCO I NOMI DEI CONVOCATI PER LE NAZIONALI MASCHILI E FEMMINILI ELITE – IN LINEA E A CRONO – PER VARESE 2008.
FILIPPO POZZATO E DANILO DI LUCA ESCLUSI. CONVOCATO DAMIANO CUNEGO! TUTTI PER UNO; PAOLO BETTINI.
TRA LE DONNE UN RITORNO ECCELLENTE.

Strada uomini; Bettini – Ballan – Bosisio – Bruseghin – Cunego – Paolini – Rebellin – Tonti – Tosatto.
Crono uomini; Pinotti – Quinziato.
Riserve; Bertagnolli – Ginanni.

Strada donne; Fabiana Luperini – Giorgia Bronzini – Noemi Cantele – Tatiana Guderzo – Eva Lechner
Crono donne; Zugno – Berlato
Riserve; Massaccesi – (la seconda riserva non è stata – al momento di scrivere – ancora decisa).

E QUESTE SONO STATE LE VOSTRE SCELTE, TRA I NOMI DELLA LISTA DEL SONDAGGIO. ECCO I 5 CICLISTI CHE SECONDO VOI ERANO DA CONVOCARE ASSOLUTAMENTE; COMPLIMENTI A TUTTI VOI! BALLERINI VI HA ASCOLTATO!

(totale votanti: 6)

1 Marzio Bruseghin (6 voti - 100%)
2 Paolo Bettini e Davide Rebellin (5 voti - 83%)
3 Damiano Cunego e Alessandro Ballan (3 voti 50%)

Cosa ne pensate delle scelte del CT? Qual è la vostra idea? Lasciate la vostra opinione sulle convocazioni di Franco Ballerini per i ‘nostri’ Mondiali, e grazie per chi ha votato nel sondaggio.

domenica 14 settembre 2008

Nazionale per Varese; manca poco!

QUESTIONE DI ORE (FORSE DOMANI), ED ARRIVERANNO SU QUESTO BLOG LE DUE NAZIONALI PER VARESE 2008; QUELLA 'UFFICIALE' E LA VOSTRA! QUELLA CHE VOI VORRESTE VEDERE COSTRUITA SU 5 UOMINI SU TUTTI. E FAREMO UN RAFFRONTO.
PER ORA, GRAZIE A TUTTI I VOTANTI.

Voglio precisare che non avendo tempo a disposizione per tutto quello che vorrei mettere dentro, ho dato spazio a Varese 2008 più che alla Vuelta. è stata una scelta. I Mondiali non capitano spesso (anche se i Italia si...) Ma non mancheranno le notizie sul Giro di Spagna, dove Alberto Contador sta costruendo un'altra vittoria nei grandi giri. Sarebbe il terzo grande giro in 2 anni!

sabato 13 settembre 2008

Varese 2008; costi e percorso



Lo stemma della città di Varese.

NELLA PAGINA QUASI NEWS DEL SITO, DOVREBBERO ESSERCI ALTRE INFO SU VARESE 2008. QUI NOTIZIE SUL PERCORSO E SU QUELLI CHE SONO I COSTI PER ASSISTERE ALLA GARA NEI PUNTI MIGLIORI.
LUNGO 17,3 KM. PER LA PROVA ELITE UOMINI (DA RIPETERE 15 VOLTE), I CHILOMETRI TOTALI SARANNO 260 CON UN DISLIVELLO DI 3.800 METRI.

1. SUBITO SALITA; si parte dall’Ippodromo di Varese – che ospita partenze ed arrivi di tutte le prove – e dopo soltanto mezzo chilometro arriva la prima erta; un chilometro con una pendenza massima dell’11%.

2. CATENA SUL 53; finito lo strappo d’inizio percorso, la strada scende, spiana per un buon tratto e successivamente scende ancora. Si arriva a costeggiare il Lago di Varese per poco più di un chilometro, e ci si prepara alla salita dei Ronchi; 3,2 chilometri con il 14% di pendenza massima.

3. IL TRAMPOLINO PER L’IRIDE; La salita dei Ronchi ‘tira’ forte all’inizio, poi lascia respirare gli atleti per un momento, e poi risale ancora. Ripetuta una decina di volte, comincerà a pesare sui muscoli di chi non avrà una condizione ‘Mondiale’. Quando la salita termina, mancano 3 chilometri e mezzo all’arrivo.

4. DENTRO VARESE; si entra nel centro abitato di Varese. La strada è larga e piana. Si restringe per un breve tratto per poi allargarsi ancora. Si svolta a sinistra e si percorre un lungo rettilineo che riporta all’Ippodromo, dove si saprà il nome del vincitore.

ECCO QUANTO COSTA ASSISTERE ALLE GARE DI VARESE;

• Cerimonia inaugurale e tutte le prove a cronometro sono gratuite.
• La salita dei Ronchi sarà accessibile con un ingresso di 15 euro, per la sola gara elite uomini di domenica.
• Per accedere alla salita dei Ronchi nei giorni 26 – 27 e 28, sarà possibile acquistare un biglietto valevole per i 3 giorni al costo di 40 euro.
• Per gli spalti dell’Ippodromo, domenica 28 si paga 40 euro. Per entrare sugli spalti dell’Ippodromo a vedere le 3 corse in linea, si pagano 60 euro.

giovedì 11 settembre 2008

Bettini; "Ciao, ciao Quik-Step!"


Paolo Bettini e Quik-Step; un binomio straordinario si chiude male.

LA VITTORIA DI BETTINI ALLA VUELTA, PASSA IN SECONDO PIANO DOPO LA NOTIZIA DI CICLOMERCATO CHE RIGUARDA IL TEDESCO SCHUMACHER E LA QUIK-STEP. IL BI-CAMPIONE DEL MONDO NON L’HA PRESA NIENTE BENE.

Paolo Bettini ha deciso di andarsene dalla Quik-Step a fine 2008. Causa l’ingaggio che il suo Gruppo Sportivo ha messo nero su bianco con Stefan Schumacher. L’italiano si è sentito preso in giro dai propri dirigenti, visto che era stato detto lui che non c’erano i “fondi” (soldi) sufficienti per investirli nel suo rinnovo di contratto. A quanto sembra, invece, i soldi c’erano ma erano stati usati per il contratto del ciclista tedesco.
Avendo, Bettini, 34 anni (7 in più di Schumacher), la Quik-Step vuole ringiovanire i ranghi. Ed essendo il tedesco un ciclista simile a Bettini come caratteristiche, la società belga aveva pensato a quest’ultimo come sostituto. L’iridato si è sentito preso in giro, e da qui la decisione di rompere alla fine dell’anno il suo sodalizio. Un sodalizio che – ad entrambe le parti – ha portato risultati strepitosi.

PS: il post sui costi del Mondiale è quasi pronto. Cercavo notizie a destra e a manca, e poi su Bicisport ho trovato notizie. Lo preparo e lo metterò nel blog. Ciao.

mercoledì 10 settembre 2008

Armstrong; robe da matti?


Lance Armstrong (37 anni); Campione del mondo (1993) e 7 Tour de France consecutivi (1999 - 2005)

STAVOLTA NIENTE ARTICOLO SOLO DUE DOMANDE; MERCOLEDI 24 SETTEMBRE ASSISTEREMO AL RITORNO DELLO "SPACE COW-BOY"? COSA NE PENSATE DI STA COSA? CHE ARMSTRONG RI-VEDREMO? LASCIATE DUE RIGHE D'OPINIONE.

ps: a breve sul blog, quanto costerà vedere i Mondiali di Varese, qualche dettaglio sul percorso, e l'esito del sondaggio sulla "vostra" Nazionale.

lunedì 8 settembre 2008

Varese 2008; quanto costa?

PURTROPPO, SEMBRA CHE PER I MONDIALI NON MANCHERANNO DEI BIGLIETTI D'INGRESSO DA PAGARE. APPENA MI CAPITANO SOTTOMANO NOTIZIE SICURE, LI METTO NEL BLOG.

sabato 6 settembre 2008

Vuelta; Ballan strepitoso!


Alessandro Ballan (28 anni). Prima vittoria 2009, e che vittoria!

PER BALLERINI SI MOLTIPLICANO LE BUONE NOTIZIE; BALLAN ALLA VUELTA E PAOLINI IN ITALIA. GLI ITALIANI "SE DESTANO" E IN SPAGNA, CHE BELLA ITALIA!
E IL GIRO 2009...

Alessandro Ballan ha vinto tappa e maglia di leader alla Vuelta; che colpo per il veneto! Contador (terzo di tappa) è arrivato a quasi 3 minuti dall'italiano, e Valverde (diciannovesimo) a oltre 3 e mezzo. Tempo carogna ma il profumo di Varese - sempre più vicina - ha dato al ciclista della Lampre le energie per portare a casa una grande vittoria di tappa, e per diventare il nuovo capoclassifica della Vuelta, dopo il primo arrivo sui Pirenei. Si confermano ottime le gambe di Rebellin e Bruseghin, mantre preoccupa la forma, tutt'altro che mondiale, di Cunego.
In italia, sotto gli occhi del CT Ballerini, Luca Paolini e Stefano Garzelli lasciano il segno; il primo con una bella vittoria in volata, il secondo con un gran lavoro per il compagno di squadra poi vincitore.

GIRO - Il Giro d'Italia 2009 potrebbe (il condizionale è veramente d'obbligo) partire da Venezia. Per ora sono solo voci che iniziano a trapelare.

Doppio Post; PST, e Paralimpiadi.

Mi manca, e per questo cerco, una persona per dare il via burocratico ad una Associazione – non Gruppo Sportivo – improntata sul ciclismo che ha necessità di avere 3 persone per i ruoli burocratici/dirigenziali, e che da un’anno e mezzo sto cercando di sistemare. Dovendo iscrivere l’Associazione all’albo, le attività sono ancora inesistenti. Nessuna preferenza per età o sesso. Ma non voglio gente che veda il ciclismo solo dai numeri e basta. Non mi importa se siete praticanti. Mi basta che abbiate passione per la bici. Se volete informazioni – che sarebbe la cosa migliore, per tutti – lasciate due righe nella posta del sito o nel blog.


CICLISMO PARALIMPICO; LA STORIA CHE RIGUARDA LA VENETA GIOVANNA TROLDI. ESSENDO ISCRITTA AD UN CLUB PROFESSIONISTICO, NONOSTANTE FOSSERO ARRIVATE TUTTE LE RASSICURAZIONI DEL CASO, ARRIVA POI UNA BRUTTA SORPRESA.

L’articolo di Francesco Coppola che ho riportato – non interamente – qui sotto, è tratto dal Gazzettino del 5 Settembre 2008.

“Quando mi è stato comunicato che non avrei potuto partecipare alle Paralimpiadi di Pechino, ho sentito il mondo cadermi addosso e ho provato un profondo senso d’ingiustizia”. A precisarlo è stata Giovava Troidi, più volte Campionessa Italiana di ciclismo della cronometro e della pista, durante una conferenza stampa a Mestre, per spiegare le motivazioni della sua esclusione, come atleta guida, dall’appuntamento cinese. Troidi non potrà “guidare” la non-vedente romana Cinzia Coluzzi, con la quale correva in sella ad un tandem. (…) Ad impedire alla velocista di Dolo la partecipazione a Pechino la sua iscrizione, nel 2007, ad un club professionistico femminile toscano. (…) “Dopo che era stato tutto chiarito anche con i commissari dell’UCI ai Mondiali di Bordeaux 2007 è arrivata la doccia fredda dell’esclusione perché appartenente ad un club professionistico, sollecitata con una lettera arrivata dall’Italia. Per l’UCI era tutto regolare, a qualificazione ottenuta per le Paralimpiadi, si sono accorti che non posso partecipare”. La Coluzzi gareggerà solo nelle due gare su strada.

venerdì 5 settembre 2008

"Jampy" Corso; stagione finita! Ma...


Gianpietro Corso (foto) alza bandiera bianca ma solo per qualche mese...

UN DANNATO NERVO INFIAMMATO, E LA STAGIONE 2008 CHE SI CHIUDE.
HO INCONTRATO IN ESCLUSIVA “JP” CORSO, DOPO LA NOTIZIA CHE LA STAGIONE PER LUI SI CONCLUDE IN ANTICIPO. SENTIAMO COSA CI HA RACCONTATO UNO DEI GRANDI EROI DELLO SPORT MONDIALE, IN QUESTO DIFFICILE MOMENTO.
IL CAMPIONE NON LE MANDA A DIRE: “TRANQUILLI. APPENA IN SELLA, SARAN DOLORI… PER GLI ALTRI!”

“Qua nisuni vien a katarme… ghe mande ‘na meil e ghe dighe: “Oh bastardi!..nisuni che se fa vivo?...”
Mi accoglie così Gianpietro, quando vado a trovarlo a casa, durante i giorni in cui la bici deve riposare forzatamente per una infiammazione al nervo sciatico (di lui, non della bici…). Per fortuna c’è il tesoro di casa – il piccolo Roberto – a tenere papà in allenamento…
“No pose far an c***o! Dové farme portar le legne pa stinverno, ma in ste condizion fae che?...”
Il pensiero va alla stagione che con grande anticipo si deve chiudere per forza. Ma il più grande eroe della storia d’Italia promette che il prossimo anno i tifosi si spelleranno le mani per lui, dagli applausi che il nostro atleta vuole tornare a guadagnarsi.
“Con lo staff medico della PST, ho iniziato a darmi da fare per questa infiammazione che mi ha fatto chiudere… Cleo! Statu bona, c***o!?... dicevo che ora inizierò a indirizzare le terapie adatte alla guarigione, ma comunque sono rassegnato. La mia stagione 2008 è già finita.”
Così, mentre Cleo, Mister Cip e il Ghiro – che ancora non ha un nome – gironzolano dentro e fuori casa, Gianpietro si adatta al periodo di riposo.
“È stato un 2008 pesante. Con questo nervo che mi fa venire il nervoso, è snervante.” Il buon umore non manca a Gianpietro. I tifosi stiano tranquilli; dentro l’atleta il fuoco della passione è sempre ben vivo. E anche se le “stele” non sono ancora giunte in quel di Sanzan, non c’è niente di meglio della voglia di riscatto per tenere caldo l’animo del campione.
“La mia voglia di riscatto, il calore dei tifosi, ed i nuovi obiettivi del G.C. PST per il prossimo anno saranno lo stimolo migliore. Il comante sta lavorando a un 2009 che, con un po’ di fortuna, sarà fantastico! State tranquilli. Appena in sella, saran dolori… per gli altri!”

giovedì 4 settembre 2008

Vuelta; Bettini risponde: "Presente!"



ARRIVATI ALLA VIGILIA DEL GIORNO DI RIPOSO, UN'ALTRO NOME SUGLI SCUDI TRA I BIG ATTESI AL VARCO IRIDATO FRA 3 SETTIMANE.

Paolo Bettini sta ultimando la 'carburazione' e l'ha fatto benissimo. Vittoria di tappa alla Vuelta, ed ecco un bel biglietto di presentazione per Freire, Boonen e C. Ballerini probabilmente gongola; un'altro azzurro - stavolta il capitano - che pedala sempre meglio.
Anche se sembra un controsenso, non vorrei essere Ballerini. Ci saranno esclusioni importanti, se gli italiani continuano a pedalare così. Se sarà così, speriamo non diventino polemiche di vigilia.

mercoledì 3 settembre 2008

Vuelta; Bennati in palla (con l'occhio a Varese?)



MENTRE PRENDE FORMA L'OSSATURA DELLA NOSTRA NAZIONALE, CHE VOI VISITATORI VORRESTE AI MONDIALI (TRAMITE IL SONDAGGIO A FIANCO), DALLA VUELTA...

Spendo 2 righe per Daniele Bennati, che nella foto sopra veste la maglia oro di leader della Vuelta. Purtroppo ora la leaderschip l'ha persa e non dovrebbe più acchiapparla, ma tenendo conto che Varese avrà la lista della Nazionale Italiana tra circa 12 o 13 giorni - questi dovrebbero essere i tempi per le scelte del CT Ballerini, se non ci sono dubbi sui nomi - penso non sia un caso che sia Benneti, com'anche Ballan dimostrino una bella gamba. Poi ci aspettiamo notizie del Principe; Cunego come sta messo dopo un Tour da cassonetto della spazzatura?
Intanto...bravo Daniele!! Purtroppo - diciamo così - anche Tom Boonen sembra in grande crescita di condizione. Ma di contro sembra esserci un Rebellin sempre in palla. Vedremo se tra 10 giorni (probabile, ma spero di no), alcuni italiani inizieranno a ritirarsi. Una cosa un po' fastidiosa. Da questo punto di vista, la Vuelta forse ne esce un po' troppo umniliata. Certo, il fatto che i Mondiali arrivino sempre vicini non aiuta.
Alla prossima.